Siamo partiti dal folk, dall’acid-folk (della trasmissione del 25 ottobre) al folk&noise (trasmissione del 1 novembre), e ancora al folk ci ispiriamo.

In questa puntata di 451 Frammenti Sonori ci muoviamo nelle reinvenzioni delle tradizioni musicali, nelle mutazioni (dal/del) folk (musica “del popolo, popolare”), nel suo dilatarsi ad internazionalismo musicale e poi oltre.

L’abbiamo chiamato “New Traditionalist” parafrasando il titolo del 4° album in studio dei Devo.

Ecco la puntata registrata, da ascoltare online o scaricare (MP3):

Parte prima

(scarica l’MP3)

Parte seconda

(scarica l’MP3)

Parte terza

(scarica l’MP3)

Selezione della trasmissione – artisti e dischi da cui sono tratti i pezzi:

Double Leopards da “Halve Maen”

Vibracathedral Orchestra da “Momentary Aviary”

Ashrtay Navigations da “The Love that Whirrs”

Mitsuru Tabata da “Lumrapideco”

Peter Garland da “3 Strange Angels”

Natural snow buildings da “Gost folks”

Bill Orcutt da “A new way to pay old debs”

Jackie o’ motherfucker da “Ballads of the revolution”

James Blackshaw da “Lost prayers and motionless dances”

Jim O’ Rourke da “The visitor”

Steve R. Smith da “Cities”.